SoEye, amore a prima vista

contest studenti grafica soeye

“Brand e logo molto bello ed innovativo. In grande sintonia con il progetto. Sicuramente sarà l’inizio di una collaborazione funzionale e proficua. Partiamo entusiasti in questa nuova avventura. Grazie Fiammetta e grazie a tutti i professionisti dell’Accademia Cappiello.”
Leonardo Pesi – Mylac

“SoEye” è stato amore a prima vista per Mylac, la prima realtà italiana ed europea di punti vendita in franchising specializzati, dedicati solo ed esclusivamente alla contattologia, ovvero alla vendita di lenti a contatto e delle relative soluzioni disinfettanti e umettanti.

Mylac, alla ricerca di menti giovani e idee innovative per un loro nuovo brand, non poteva che venire in contatto con l’Accademia Cappiello per promuovere la loro rete di franchising sul mercato, lanciando un contest per individuare il nome e progettare l’immagine coordinata del brand.

Il contest, rivolto agli studenti e ex studenti di Grafica Pubblicitaria e Comunicazione ha ricevuto tantissime partecipazioni. Dopo un attento studio del brand, del mercato e dei competitors, i ragazzi hanno iniziato a lavorare sulle idee e proposte per comunicare sia i punti di forza del brand sia l’ottimo livello di qualifica e professionalità dei professionisti contattologi che gestiranno i singoli punti vendita, l’ampio ventaglio di soluzioni contattologiche da offrire alla clientela e l’ottima assistenza post applicativa.

La proposta vincente è stata quella di Fiammetta Tongiani, ex-studente del corso di Grafica Pubblicitaria & Comunicazione e che parteciperà da gennaio al corso di Fashion Communication & Trends. Per lei il premio di mille euro e la possibilità di vedersi affidata la comunicazione del nuovo brand.

soeye vincitore contest mylac accademia cappiello

Rational – La scelta del nome parte da questa considerazione in merito al prodotto: “adesso anche io posso
avere le mie lenti a contatto”. Uniche, personalizzate, su misura, in grado di correggere qualsiasi disturbo visivo.

“So I” letteralmente significa “così io”.
SoEye è un gioco di parole.
“So”, inteso come “so do I”, “anche io” e/o “so” tradotto come “molto”.
Vengono utilizzate spesso espressioni come “so special” (così speciale) o “so cute” (così carino).
“Eye” (occhio) ha lo stesso suono di “I” (io).

I punti vendita saranno situati in zone ad alta percorrenza di grandi città, vicino alle università; da qui nasce l’esigenza di usare l’inglese per il nome del brand.

Per quanto riguarda la grafica ho utilizzato un carattere semplice e senza grazie, che potesse ricordare l’ottotipo.

La “O” diventa il contorno dell’iride e, la circonferenza al suo interno, la pupilla.
Questa forma estremamente essenziale (che ricorda anche la lente a contatto) è stata poi utilizzata come pattern per sviluppare l’immagine coordinata del brand.

Ho utilizzato colori freddi che, tendenzialmente, risultano più rilassanti e positivi.

Ecco le altre 3 proposte arrivate in finale.

In occasione della Cerimonia di consegna dei Diplomi per gli studenti dell’anno 2017, giovedì 14 dicembre, si svolgerà anche la premiazione della proposta di Fiammetta per il contest lanciato da Mylac.